fbpx

Dragoncello, un angolo gourmet, in centro a Siena

Cibo Gourmet

Non importa quanto sei lontano da casa o per quanto tempo ci rimani. Se le tue radici sono forti, prima o poi tornano piene di linfa per nutrire il tuo animo. E l’animo di Anna Maria e di Massimo, coppia verace del Sud, ha ripreso vita quando ha visto la possibilità di offrire a Siena un angolo di sfiziosità gastronomiche da poter condividere con la città che hanno scelto come “casa”. 

Non sono però partiti dalle loro origini, anzi. La particolarità di “Dragoncello” (così si chiama il piccolo angolo gourmet in via della Sapienza 16) è che offre prodotti nati e cresciuti nel territorio, autoctoni. Non prodotti che puoi trovare nei grandi supermercati, ma piccole perle coccolate dalle aziende produttrici.
La qualità non solo si vede, si vive nei racconti che Massimo fa di ogni singolo prodotto. Niente viene lasciato al caso: dal formaggio di tartufo, al salame di Cinta Senese, passano dal controllo del proprietario, così fiero della sua scelta da non sentirsi nemmeno in competizioni con i grandi supermercati che lo hanno circondato.
Ma la vera regina di Dragoncello, è Anna Maria, pugliese dal cuore però interamente senese, tanto da voler entrare, in punta di piedi, all’interno delle tradizioni culinarie della città, rivisitando addirittura alcuni grandi classici come il Pan co’ Santi “ripensato” con cioccolata al posto della classica uvetta. Anna Maria, da buona mamma del Sud, coccola i propri clienti, offrendo anche prodotti tipici della sua terra, tutti fatti a mano ed espressi perché la qualità “si trasmette con le mani – dice -. Quando cucino per i miei clienti non voglio avere fretta, perché la fretta non fa fare un buon lavoro. Potrei prendere una planetaria o un’impastatrice, ma mi sembrerebbe di “ingannare” i miei clienti che si aspettano prodotti veraci”.
“Questo nostro negozio è un atto d’amore verso Siena – conferma Massimo – , viviamo qui da oltre trent’anni e ora vogliamo ridare qualcosa indietro. Abbiamo scoperto, piano piano, tantissime cose buone in questa terra, cose che, però, non si trovano facilmente nei negozi. E noi siamo aperti proprio per questo! Dare la possibilità di far scoprire quei prodotti incredibilmente buoni che si producono in questa terra. Noi proponiamo anche qualcosa delle nostre origini: abbiamo cucinato, con successo, anche le arancine per i nostri clienti. Ora proponiamo i panzerotti di Anna… ma quello che ci preme di più è dare voce ad un territorio gastronomico unico, come quello della provincia di Siena”.
E così, con orgoglio (e sacrifici), Massimo e Anna Maria portano avanti la loro idea, fatta di quotidianità, prodotti genuini e unici, attenzione al cliente e voglia di far conoscere qualcosa di nuovo, magari appena fuori Siena. Come? Proponendo i “Biscotti di Prato” di Mattei, per esempio. O andando a scovare le confetture più artigianali dell’Isola d’Elba… ma tutto sotto sotto il “cappello” del Dragoncello, pianta molto cara a Siena per via di un’antica leggenda che narra di una ragazza senese, innamorata di un dragone (soldato a cavallo del periodo napoleonico) che, pulendo i propri stivali, fece cadere dei semi in un vaso che la giovane teneva sul davanzale. Nacque così una piantina profumata che restò simbolo del suo amore per il dragone, rimpatriato da lì a poco. Una piantina simbolo dell’amore, appunto. Lo stesso amore che una coppia del Sud è riuscita a dare alla nostra città.

Il Dragoncello di Massimo Lo Coco
CF LCCMSM67C04D423A
P.IVA 00878040526

Powered by